X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sanzione penale illecita se l’omessa IVA è già sanzionata dalle Entrate

Il giudice deve verificare se il procedimento penale è legato temporalmente e materialmente al tributario al punto da non costituire un «bis in idem»

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 21 novembre 2018

È illecita la duplicazione della sanzione per l’omesso versamento IVA quando, a seguito della maggiorazione del 30% dell’importo del tributo non versato, si aggiungano anche la reclusione e la multa secondo quanto previsto dall’art. 10-ter del DLgs. 74/2000.
Così la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 52142 depositata ieri, ritiene fondato il ricorso di un imputato con riferimento al tema della violazione della regola del “ne bis in idem”.

Nell’annullare la sentenza impugnata, con rinvio alla Corte d’Appello al fine di riesaminare il caso alla luce dei criteri interpretativi segnalati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 43/2018, i giudici di legittimità colgono l’occasione per ripercorrere sinteticamente ma efficacemente la tematica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU