X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 22 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Senza compensazione intersoggettiva perdite sempre riportabili post fusione

Disapplicati i limiti per l’unica società partecipante alla fusione che svolge un’attività economica da cui possono derivare in futuro redditi imponibili

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 11 gennaio 2019

Le perdite fiscali pregresse sono sempre riportabili post fusione quando le caratteristiche dell’operazione sono tali da non potersi riscontrare la possibilità che la fusione produca alcuna compensazione intersoggettiva delle perdite fiscali pregresse di una società con i redditi di un’altra.
Questo l’assunto di carattere generale in forza del quale l’Agenzia delle Entrate, in occasione della risposta a interpello n. 3 diramata ieri, ha ritenuto di poter disapplicare i limiti al riporto delle perdite fiscali, di cui all’art. 172 comma 7 del TUIR, con riferimento alla fattispecie oggetto dell’istanza presentata ai sensi dell’art. 11 comma 2 della L. 212/2000.

Nello specifico, il caso riguarda una fusione inversa con la quale la controllata ALFA incorpora ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU