ACCEDI
Sabato, 25 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cartella nulla senza il deposito della «CAN» inerente all’accertamento

La Cassazione ha stabilito che la comunicazione di avvenuta notifica va prodotta in giudizio

/ Caterina MONTELEONE

Venerdì, 22 febbraio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 5077 di ieri, 21 febbraio 2019, i giudici della Corte di Cassazione hanno affermato che, in caso di notifica a mezzo posta, secondo quanto previsto dall’art. 8 della L. 890/82, ai fini della regolarità della notifica non è sufficiente la prova della spedizione della raccomandata che comunica l’avvenuto deposito del piego presso l’ufficio postale (i dati sono riportati nell’avviso di ricevimento dell’atto), essendo viceversa necessaria la produzione della medesima in giudizio.

Nel caso deciso, i giudici hanno ritenuto nulla una cartella di pagamento per difetto di notifica, in quanto l’Agenzia delle Entrate non aveva fornito la prova della corretta notifica degli avvisi di accertamento presupposti, i quali erano stati notificati ai

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU