X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Definizione delle liti alla prova della competenza fiscale

Il contribuente deve poter recuperare le imposte pagate in più per effetto della definizione della lite

/ Alfio CISSELLO e Pietro SEMERARO

Lunedì, 29 aprile 2019

L’art. 6 del DL 119/2018 prevede che il contribuente possa definire le liti tributarie in cui è controparte l’Agenzia delle Entrate nella misura in cui il ricorso introduttivo sia stato notificato entro il 24 ottobre 2018.
A seconda dello stato e degli esiti (ovviamente provvisori) della controversia, è possibile un parziale stralcio dell’imposta che va dal 10% (in caso di giudizio pendente in C.T. Prov., o giudizio di rinvio) al 95% (in caso di giudizio pendente in Cassazione con doppia conforme pro-contribuente).

La definizione delle liti può generare problemi in merito agli accertamenti, definiti “odiosi” in dottrina, dai quali può scaturire una doppia imposizione.
Il caso classico è la violazione della competenza fiscale: dal recupero a tassazione del costo dedotto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU