X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Disciplina Ue comune per le procedure di ristrutturazione preventiva

La direttiva pubblicata ieri sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea mira a rimuovere le differenze tra le legislazioni e procedure nazionali

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 27 giugno 2019

Nella giornata di ieri è stata pubblicata, nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 172, la direttiva Ue 2019/1023 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2019, riguardante i quadri di ristrutturazione preventiva, l’esdebitazione e le interdizioni, nonché le misure volte ad aumentare l’efficacia delle procedure di ristrutturazione, insolvenza ed esdebitazione, che modifica la direttiva Ue 2017/1132 (sulla ristrutturazione e sull’insolvenza).

La direttiva si propone l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli che derivano dalle differenti legislazioni e procedure nazionali in materia di ristrutturazione preventiva, insolvenza, esdebitazione e interdizioni. In tal modo, si vuole garantire alle imprese in difficoltà finanziaria l’accesso a quadri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU