X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Causa di non punibilità anche con omesse ritenute previdenziali ripetute

La mera reiterazione delle omissioni nel medesimo periodo non può essere equiparata alla «recidiva» che esclude la causa di non punibilità

/ Mario PAGANO

Giovedì, 27 giugno 2019

La causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, di cui all’art. 131-bis c.p., non è esclusa in relazione al reato per omesso versamento delle ritenute assistenziali e previdenziali operate sulle retribuzioni dei dipendenti per effetto del riferimento alla reiterazione dell’omissione di cui all’art. 2 comma 1-bis del DL 463/83, conv. L. 638/83, in quanto la mera reiterazione delle omissioni nel medesimo periodo non può essere equiparata alla recidiva. Questo è il principio enucleato dalla Cassazione con la sentenza n. 25537/2019.

Secondo il comma 1 del citato art. 2 le ritenute previdenziali e assistenziali, operate dal datore di lavoro sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti, ivi comprese le trattenute effettuate ai sensi degli artt. 20, 21 e 22 della L. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU