X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Analitica giustificazione di operazioni bancarie per evitare il sequestro

La Cassazione torna sulla rilevanza penale delle presunzioni tributarie inerenti all’accertamento bancario

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 17 luglio 2019

Le presunzioni legali previste dalle norme tributarie, pur non potendo costituire di per sé sole fonte di prova della commissione dei reati previsti dal DLgs. 74/2000, hanno un valore indiziario sufficiente ad integrare il c.d. “fumus commissi delicti” idoneo, in assenza di elementi di segno contrario, a giustificare l’applicazione di una misura cautelare reale. Così le pronunce della Cassazione n. 26274/2018 e n. 7078/2013 affermavano tale principio – ormai consolidato in giurisprudenza – in relazione ad un caso relativo a presunzioni derivanti da accertamenti bancari a norma dell’art. 32 del DPR 600/1973.

Quest’ultima norma precisa tra l’altro – al n. 2 del comma 1 – che i dati e gli elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni acquisiti e rilevati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU