X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Agevolazione prima casa sugli acconti solo con nota di variazione

Le dichiarazioni agevolative possono invece essere rese anche dopo il preliminare, fino al momento in cui si realizza l’effetto traslativo

/ Anita MAURO e Emanuele GRECO

Mercoledì, 16 ottobre 2019

Al fine dell’applicazione dell’aliquota IVA del 4% agli acconti per l’acquisto della “prima casa”, non è indispensabile che le dichiarazioni agevolative siano rese al momento del contratto preliminare, atteso che esse possono essere fornite fino al momento in cui si realizza l’effetto traslativo, purché, però, sia emessa nota di variazione ai sensi dell’art. 26 del DPR 633/72.
Lo afferma la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 25982, depositata ieri.

Si ricorda, in proposito, che, il comma 2 della Nota II-bis all’art. 1 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86 (norma che disciplina l’agevolazione “prima casa) dispone che “in caso di cessioni soggette ad imposta sul valore aggiunto le dichiarazioni di cui alle lettere

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU