X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 19 gennaio 2020

FISCO

Accollo del debito con compensazione sempre vietato

Si prevedono doppie sanzioni a carico di accollante e accollato

/ Dario AUGELLO

Mercoledì, 6 novembre 2019

L’art. 1 del DL 124/2019 stabilisce che, in caso di accollo del debito d’imposta, l’accollante non può compensare il debito altrui con crediti fiscali propri.
L’accollo del debito d’imposta, già previsto dallo Statuto del contribuente (art. 8), è, dunque, sempre ammesso, salvo il divieto di compensazione.

La disposizione, che traduce in legge una prassi fiscale già diffusa prima dell’entrata in vigore del DL 124/2019 (ris. n. 140/2017), ha lo scopo di prevenire e punire le frodi attuate dall’accollante mediante compensazione di debiti fiscali altrui con crediti propri inesistenti. Ciò è quanto avviene, tipicamente, quando accollato e accollante si mettono d’accordo, affinché il primo versi al secondo, a fronte dell’accollo, un importo inferiore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU