X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La stretta sulle auto aziendali ora è «green»

Resta l’aumento della remunerazione che esplica effetti anche ai fini contributivi, con conseguente aumento degli oneri sociali e previdenziali

/ Enrico ZANETTI

Sabato, 2 novembre 2019

Diventa eco-sostenibile la stretta fiscale sulle auto aziendali date in uso promiscuo ai dipendenti che viene prospettata dall’art. 78 del testo (che dovrebbe essere) definitivo della legge di bilancio.
L’aumento del reddito in natura imponibile per il dipendente passa dal 30% al 100% degli “importi ACI” solo per le auto in uso promiscuo che determinano emissioni di biossido di carbonio oltre 160 grammi, mentre passa “solo” dal 30% al 60% per tutte le altre, salvo quelle a trazione elettrica o ibrida termoelettrica per le quali rima men confermato l’attuale 30% senza quindi aumenti.
Una prima marcia indietro che fa seguito alle polemiche subito divampate intorno a una misura il cui impatto è stato a dir poco sottovalutato in sede di Consiglio dei Ministri

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU