X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Pagamenti con mezzi tracciabili da segnalare nel modello REDDITI 2019

L’utilizzo di specifici strumenti di pagamento consente la riduzione di due anni dei termini di accertamento

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Lunedì, 18 novembre 2019

I soggetti passivi IVA che, con riferimento all’anno 2018, si sono avvalsi del regime opzionale di trasmissione dei dati delle fatture emesse e ricevute di cui all’art. 1 comma 3 del DLgs. 127/2015 (nella versione previgente) e che hanno garantito, nello stesso anno, la tracciabilità dei pagamenti ricevuti ed effettuati superiori a 30 euro, possono beneficiare della riduzione di due anni dei termini di accertamento per l’IVA e per i redditi di impresa o di lavoro autonomo.
A tal fine, devono comunicare la sussistenza dei requisiti nel modello REDDITI 2019 in scadenza, barrando la casella presente nel rigo RS136 (persone fisiche e società di persone) o nel rigo RS269 (società di capitali). La semplificazione è prevista dall’art. 3 del DLgs. 127/2015 (nella versione anteriore

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU