X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Riclassificazione nell’attivo circolante con sindacato dell’Agenzia

/ Luisa CORSO

Lunedì, 18 novembre 2019

La disciplina delle società non operative (art. 30 della L. 724/94) prevede che l’ammontare dei ricavi presunti e del reddito minimo sia ottenuto applicando determinate percentuali al costo fiscalmente riconosciuto delle immobilizzazioni (partecipazioni e crediti finanziari, immobili e navi, altre immobilizzazioni); sono, invece, esclusi dal calcolo i beni iscritti nell’attivo circolante.
In considerazione di tale distinzione, in alcuni casi, l’Agenzia delle Entrate potrebbe sindacare la riclassificazione nell’attivo circolante di immobili destinati alla vendita, prima iscritti tra le immobilizzazioni materiali.

Si rende quindi opportuno chiarire quale sia il corretto comportamento contabile da adottare, stando all’attuale formulazione dell’OIC 16, nonché quali

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU