X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Indennità di recesso corrisposta dallo studio professionale con ritenuta fiscale dubbia

/ Dario BONSANTO e Alessandro COTTO

Venerdì, 29 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il recesso dell’associato dallo studio professionale può essere accompagnato dal riconoscimento in capo allo stesso di un’apposita indennità, corrispondente al conferimento inizialmente effettuato e a una quota aggiuntiva, idonea a tener conto dell’apporto dato dal medesimo associato recedente all’acquisizione della clientela.
Dal riconoscimento di tale indennità sorge una serie di tematiche fiscali in capo sia al professionista recedente, sia allo studio professionale.

Con riferimento all’inquadramento della somma percepita dall’ex associato, in base a quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate (ris. 10 aprile 2008 n. 142), anche nel caso degli studi professionali dovrebbe poter trovare applicazione l’art. 20-bis del TUIR, secondo cui le somme ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU