X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sull’unitarietà fiscale della plusvalenza da cessione urge coerenza dall’Agenzia

La risposta n. 478/2019 apre incertezze su quale sia la linea interpretativa dell’Amministrazione finanziaria

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 14 novembre 2019

In occasione della risposta a interpello 11 novembre 2019 n. 478, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che la cessione d’azienda effettuata da un imprenditore individuale in regime forfetario ex art. 1 comma 54 e ss. della L. 190/2014 darebbe luogo a plusvalenze non imponibili per la parte di corrispettivo riferibile ai beni aziendali e però a ricavi imponibili per la parte riferibile ad avviamento, in quanto “non si è in presenza di un plusvalore relativo a un bene relativo all’impresa il cui costo non è stato oggetto di deduzione ai fini fiscali, ma di un valore rappresentativo della capacità reddituale prospettica, in quanto tale riconducibile nell’ambito dei ricavi di cui al comma 64 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014” (si veda “ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU