X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Somministrazione irregolare a termine distinta dal contratto a termine nullo

La Cassazione chiarisce che i termini di decadenza previsti per le rispettive impugnazioni sono differenti in quanto si tratta di fattispecie diverse

/ REDAZIONE

Sabato, 16 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La somministrazione a termine irregolare di lavoro, in relazione alla quale la decadenza di cui al comma 4 dell’art. 32 della L. 183/2010 si applica anche ai rapporti scaduti alla data di entrata in vigore della legge stessa, costituisce fattispecie distinta rispetto al contratto a tempo determinato nullo.
È quanto precisato dalla Cassazione, con la sentenza n. 29753 depositata ieri.

Nella fattispecie in esame, i giudici di merito avevano rigettato il ricorso del lavoratore volto ad ottenere la costituzione di un rapporto di lavoro alle dipendenze dell’utilizzatrice in quanto decaduto dal termine di 60 giorni, disposto dal citato comma 4 per la relativa impugnazione stragiudiziale.

Il lavoratore, impugnando la sentenza d’appello, aveva eccepito che la decadenza di cui all’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU