X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Trasferta e distacco compatibili con l’apprendistato

In ogni caso, le modalità di resa della prestazione non devono compromettere il percorso formativo riservato all’apprendista

/ Mario PAGANO

Venerdì, 6 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La possibilità di inviare un apprendista in trasferta ovvero in distacco presso altro datore di lavoro pone un interrogativo non di poco conto, in quanto riferito a una tipologia contrattuale ontologicamente legata alla necessità di impartire formazione, una condizione che, da una prima valutazione, potrebbe sembrare non compatibile con la resa della prestazione lavorativa dell’apprendista lontano dai locali aziendali e, eventualmente, dallo stesso tutor aziendale.

L’istituto della trasferta, così come chiarito anche dalla Corte Costituzionale con la sentenza 13 maggio 1993 n. 239, postulando la predeterminazione di un luogo fisso per la prestazione lavorativa e un mutamento meramente provvisorio del luogo stesso, prevede la possibilità che il lavoratore venga inviato, solo occasionalmente,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU