X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rinunciare al mandato senza dichiarare la cancellazione dall’albo non ferma il processo

Il principio, reso in ambito civile, può essere trasposto nel rito tributario

/ Antonino RUSSO

Sabato, 14 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 30192 del 20 novembre 2019, ha statuito che il processo non si interrompe ex art. 301, comma 1 c.p.c. nel caso in cui il difensore rinunci al mandato senza, però, dichiarare l’avvenuta cancellazione dall’albo degli avvocati.

Il caso ha riguardato una controversia civile, relativa all’accertamento della nullità di un atto di vendita immobiliare con patto di riscatto, giunta allo scrutinio della Corte affinché esaminasse un ricorso incentrato sulla deduzione della nullità della sentenza della Corte di appello per aver, tale organo, rigettato l’eccezione di omessa estinzione del giudizio ritenendo che la volontaria cancellazione dall’albo professionale (per l’assunzione dell’incarico di giudice onorario

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU