X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 2 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cedolare secca sui negozi in bilico

Sembra che la misura non sia prorogata per i contratti stipulati nel 2020

/ REDAZIONE

Giovedì, 12 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con un comunicato del 10 dicembre 2019, Confedilizia critica aspramente lo “stralcio”, dalla legge di bilancio 2020, dell’emendamento che prolungava la cedolare secca su immobili e negozi.

Va premesso che la legge di bilancio 2019 (art. 1 comma 59 della L. 30 dicembre 2018 n. 145) ha introdotto la possibilità di accedere alla cedolare secca del 21%, a determinate condizioni, per alcuni immobili commerciali.
In particolare, la norma consentiva l’accesso all’imposizione sostitutiva di cui all’art. 3 del DLgs. 23/2011, ai contratti di locazione:
- relativi a negozi o botteghe in categoria catastale C/1 e alle relative pertinenze;
- di superficie fino a 600 metri quadrati (senza includere nel computo le pertinenze);
- stipulati nel 2019;
- tra soggetti che il 15 ottobre

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU