X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 29 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La modalità telematica è l’unica valida per le dimissioni

Non è sufficiente il comportamento concludente, salvo le eccezioni prescritte dalla legge

/ Mario PAGANO

Venerdì, 13 dicembre 2019

Secondo la Corte di Cassazione, che si è espressa con sentenza n. 25583/2019, il lavoratore che si allontana dal posto di lavoro e non si presenta più per diversi giorni può essere considerato dimissionario.
In buona sostanza la Suprema Corte ha ritenuto tale condotta perfettamente rientrante nell’ambito di un recesso volontario del lavoratore, che può essere desunto da dichiarazioni o comportamenti che, inequivocabilmente, manifestino l’intento di recedere dal rapporto.

Tuttavia, a ben vedere, il principio enunciato dalla citata sentenza va posto a confronto con l’attuale normativa che disciplina espressamente l’istituto delle dimissioni volontarie. Ciò per capire la compatibilità dell’orientamento giurisprudenziale, espresso su fatti di causa risalenti al 2011, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU