X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 23 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Più cessioni di quote nello stesso atto scontano più imposte di registro fisse

L’imposizione unica si applica nel caso del negozio complesso, mentre l’imposizione plurima si applica nel caso dei negozi collegati

/ REDAZIONE

Sabato, 14 dicembre 2019

In caso di contestuali cessioni di diverse quote sociali a favore del medesimo cessionario, ciascuna di esse è soggetta autonomamente ad imposta di registro in misura fissa (200 euro) a norma dell’art. 21 comma 2 del DPR 131/86, atteso che non si configura un negozio complesso, connotato da una causa unitaria, bensì distinti e autonomi atti negoziali, che realizzano interessi immediati autonomamente identificabili. Lo ribadisce la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 32894, depositata ieri.

Come già ricordato dalle precedenti sentenze sul tema (Cass. 11 ottobre 2018 n. 25341; Cass. 15 settembre 2015 n. 18122; Cass. 19 febbraio 2015 n. 3300; Cass. 29 ottobre 2014 n. 22899), il principio sancito dai giudici di legittimità scaturisce dall’art. 21 del DPR 131/86, in tema di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU