X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Variazione del CCNL senza pregiudizio per i lavoratori

La variazione del CCNL da parte del datore è ammissibile ove venga rispettato il principio di irriducibilità della retribuzione

/ Alessandro ZACCONE

Martedì, 17 dicembre 2019

Il mutamento del CCNL applicato da un datore di lavoro può dipendere da svariate ragioni; un’ipotesi potrebbe essere rappresentata, ad esempio, dal mutare dell’attività svolta dal datore che nel corso degli anni cambia il proprio settore di appartenenza. Il riferimento in merito può essere rinvenuto nell’art. 2740 c.c. – norma di carattere ermeneutico, a seguito del venir meno del sistema corporativo vigente nel 1942 – che prevede che, ai fini dell’applicazione del contratto collettivo, l’appartenenza alla categoria professionale si determini secondo l’attività effettivamente svolta dall’impresa.

L’art. 51 del DLgs. 81/2015 definisce contratti collettivi i contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU