X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Rischi per l’indipendenza di sindaco e revisore dalle relazioni d’affari

/ Stefano DE ROSA e Maurizio MEOLI

Giovedì, 19 dicembre 2019

Prima di decidere di accettare (o di mantenere) un incarico di sindaco o di revisore, il professionista deve valutare eventuali minacce alla propria indipendenza, tra le quali assumono particolare rilevanza quelle che possono derivare da relazioni di affari.

Si pensi, ad esempio, al caso di un dottore commercialista che ricopre il ruolo di amministratore delegato di una società di capitali (Alfa SpA), controllata interamente da una holding che ha come soci e amministratori tre persone fisiche (con quote di partecipazione pari, rispettivamente, al 40%, al 30% e al 30%). Tali soggetti sono, inoltre, soci (con le stesse percentuali detenute nella holding) e amministratori in una srl (Beta srl), che non ha legami partecipativi né con la holding né con altre società del gruppo, dove si vuole nominare

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU