X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Installazione delle telecamere in azienda con limiti

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 14 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra gli strumenti utilizzabili dai datori di lavoro da cui possa derivare una forma di controllo a distanza dei lavoratori, l’installazione di telecamere all’interno dei locali aziendali rappresenta, probabilmente, la pratica più diffusa. È quindi utile chiarire quali siano le condizioni da rispettare e le conseguenze derivanti dal mancato rispetto delle procedure prescritte dalla legge.

La materia è regolata dall’art. 4 dello Statuto dei lavoratori (la L. 300/70), disposizione che, a seguito delle modifiche introdotte dal DLgs. 151/2015, stabilisce che i datori di lavoro possono utilizzare strumenti da cui derivi la possibilità di controllare a distanza l’attività dei lavoratori – compresi, quindi, gli impianti di videosorveglianza – quando l’impiego di tali dispositivi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU