X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 settembre 2020

LAVORO & PREVIDENZA

Controlli a distanza con telefonate agli uffici interni

Dubbi sulla liceità delle telefonate strategiche ai lavoratori quale strumento di controllo contro l’assenteismo

/ Gabriele MORO

Giovedì, 13 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ha avuto nei giorni scorsi un certo rilievo mediatico il progetto, avviato dal Comune di Torino, di rilevare le effettive presenze dei propri dipendenti telefonando direttamente ai rispettivi interni per verificarne la presenza in ufficio, progetto per ora solamente testato tra gli stessi dipendenti del settore dell’ufficio personale.
L’Amministrazione ha dichiarato che il sistema di controllo, una volta a regime, dovrebbe coprire circa il 25% dei dipendenti comunali: ciò significherebbe che almeno 2.000 dipendenti del Comune di Torino dovrebbero ricevere una volta al mese la fatidica telefonata di controllo.

Il tema dei controlli sull’effettiva presenza in servizio dei dipendenti pubblici ha di recente suscitato clamore anche a seguito di fatti di cronaca portati all’attenzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU