X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Recepita l’esclusione delle piattaforme dalla navigazione «in alto mare»

La normativa italiana potrebbe però risultare ancora non conforme a quella unionale nonostante il DL 124/2019 contenga un adeguamento

/ Fabio Tullio COALOA e Andrea BONARIA

Lunedì, 27 gennaio 2020

La disciplina IVA domestica relativa al settore marittimo, che prevede la non imponibilità per alcune specifiche tipologie di cessioni di beni e prestazioni di servizi, è stata di recente modificata dall’art. 2 comma 4 della L. 28/97, per esigenze di rispetto delle disposizioni unionali, come interpretate dalla Corte di Giustizia Ue.

In particolare, con l’art. 32-bis del DL 124/2019, introdotto in sede di conversione ed in vigore dal 25 dicembre 2019, il legislatore ha inteso recepire il principio sancito dalla Corte Ue nella sentenza C-291/18 del 20 giugno 2019, avente ad oggetto il regime IVA di non imponibilità di cui all’art. 148 lett. a) e c) della direttiva 2006/112/CE – cui corrispondono le norme di cui all’art. 8-bis del DPR 633/72 – con specifico riguardo alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU