X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Ricevimento del curatore «in contrasto» col ruolo di arbitro del giudice delegato

La riforma del diritto concorsuale determina un’opacità nella prassi dei tribunali, data l’abolizione del dovere di direzione giudiziale della procedura

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 27 febbraio 2020

L’art. 25 del RD 267/1942 recitava che “il giudice delegato dirige le operazioni del fallimento” (e, parallelamente, l’art. 167 L. fall. prevedeva la direzione del giudice delegato nell’amministrazione dei beni nella procedura di concordato preventivo); ciò implicava il potere del giudice delegato di indicazione delle linee generali di operatività, nel cui perimetro il curatore (organo esecutivo e ausiliario) svolgeva l’attività di amministrazione della procedura, sotto la vigilanza del medesimo giudice a cui, ovviamente, competeva anche un “dovere di terzietà”, connaturato con le regole del nostro ordinamento giuridico.

La riforma del diritto fallimentare, avviata dal DL 35/2005 e attuata dal DLgs. 5/2006, “corretto” mediante il DLgs. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU