X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

LAVORO & PREVIDENZA

Nell’approccio italiano allo smart working serve un cambio di passo

La richiesta arriva dai consulenti del lavoro: secondo i dati Eurostat 2018 l’Italia è fanalino di coda in termini di numero di dipendenti in lavoro agile

/ REDAZIONE

Giovedì, 27 febbraio 2020

Al di là dei provvedimenti di urgenza, occasionati dall’emergenza coronavirus che sta attraversando il nostro Paese, occorrono misure strutturali e mirate per far decollare il lavoro agile in Italia e portarlo ai livelli di diffusione e penetrazione nel tessuto produttivo riscontrabili nei principali Paesi Ue.

Questa la posizione della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, espressa attraverso il comunicato stampa diffuso nel pomeriggio di ieri, con cui il presidente Rosario De Luca, prendendo le mosse dal DPCM 25 febbraio 2020 (si veda “Lavoro agile «semplificato» fino al 15 marzo 2020” di oggi) e dall’analisi dei dati Eurostat relativi al 2018, reclama un cambio di passo da parte dell’intero sistema Paese.

I dati dell’ufficio statistico dell’Unione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU