X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Mascherine chirurgiche e filtranti prive di marchio Ce utilizzabili come DPI

Il DL «Cura Italia» ne autorizza l’uso fino al 31 luglio per tutti i lavoratori impossibilitati ad osservare la distanza di sicurezza di un metro

/ Noemi SECCI

Lunedì, 23 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il decreto legge n. 18/2020, (c.d. “Cura Italia”) introduce importanti novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e in particolare in materia di dispositivi di protezione individuale (DPI) di cui devono essere dotati i lavoratori per limitare il rischio biologico, nella fattispecie da COVID-19.

La disciplina vigente in materia di DPI (art. 74 comma 1 DLgs. 81/2008) comprende le disposizioni di cui al DM 2 maggio 2001, all’allegato VIII del DLgs. 81/2008 ed all’allegato II del Reg. Ue 425/2016. Tali norme prevedono diverse tipologie di DPI, in relazione alla natura dell’attività svolta, all’organizzazione e ai fattori specifici di rischio presenti nell’ambiente di lavoro.

In relazione al rischio biologico da COVID-19 sono da considerarsi indispensabili, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU