X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Ricorso al giudice per ottenere i DPI necessari

Il Tribunale di Firenze ha accolto il ricorso in via d’urgenza proposto da un rider per ottenere i DPI necessari ad evitare il contagio da COVID-19

/ Luca NEGRINI

Giovedì, 9 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’attività dei ciclofattorini continua anche in questo periodo di emergenza sanitaria, perché la sospensione delle attività di ristorazione non riguarda la consegna a domicilio, purché eseguita con modalità rispettose delle prescrizioni in materia di distanziamento sociale (vedi in proposito “Misure per prevenire il contagio anche durante le consegne a domicilio” del 13 marzo 2020).

Proprio sull’adozione delle misure per prevenire il contagio e in particolare sulla messa a disposizione da parte dell’impresa dei dispositivi di protezione individuale (DPI) si è pronunciato il Tribunale di Firenze in via d’urgenza nei giorni scorsi, su ricorso di un ciclofattorino, volto ad ottenere mascherina protettiva, guanti, gel disinfettante e prodotti a base alcolica per

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU