X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Operative le procedure per l’invio dei provvedimenti di CIG in deroga

Le Regioni dovranno utilizzare esclusivamente il Sistema Informativo dei Percettori (SIP) e il c.d. «Flusso B»

/ Daniele SILVESTRO

Giovedì, 9 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con il messaggio n. 1525/2020, l’INPS detta le istruzioni operative per l’invio dei decreti di concessione regionali relativi alla cassa integrazione in deroga, di cui all’art. 22 del DL 18/2020 (c.d. “Cura Italia”).

L’Istituto riepiloga innanzitutto il quadro normativo ricordando che il citato art. 22, al comma 1, stabilisce che le Regioni e le Province autonome interessate possono riconoscere trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per un periodo non superiore a nove settimane, con riferimento ai datori di lavoro del settore privato (inclusi quelli agricoli, della pesca e del terzo settore, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti) per i quali non trovano applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU