X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 28 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Revisione del budget 2020 dopo la ripresa dell’attività

Ciò è necessario per quantificare la liquidità necessaria e, poi, assumere una decisione consapevole sull’eventuale ricorso ai prestiti di cui al DL 23/2020

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Lunedì, 18 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le imprese che hanno ripreso l’attività dopo la chiusura a causa del lockdown si trovano a dover fronteggiare esigenze di liquidità sia per via dei debiti maturati, sia, in molti casi, per l’ulteriore liquidità richiesta per sostenere la gestione operativa nei prossimi mesi, a causa della probabile “ripartenza lenta”.
Sul piano operativo, per quantificare la liquidità necessaria e, successivamente, assumere una decisione consapevole in merito all’eventuale ricorso ai prestiti di cui al DL liquidità, è necessario rivedere il budget 2020 e le previsioni di tesoreria per i prossimi mesi.

La stima della liquidità per fronteggiare la riapertura è la più “agevole”, ma anche la più difficile da gestire, senza ulteriori interventi anche legislativi: si tratta

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU