X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Pignoramenti presso terzi sospesi, ma solo per salari e stipendi

La sospensione è prevista dalla bozza del decreto «Rilancio» e cessa il 31 agosto 2020

/ Caterina MONTELEONE

Lunedì, 18 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 163 della bozza del DL “Rilancio” ha previsto che sono sospesi fino al 31 agosto 2020 gli obblighi derivanti dai pignoramenti presso terzi notificati fino alla data di entrata in vigore del DL medesimo, ma solo nel caso in cui l’ordine di pagamento abbia “ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza”.

La sospensione produce effetti anche nel caso in cui a seguito della notifica dell’ordine di pagamento, le somme siano già state assegnate al creditore procedente con ordinanza del giudice dell’esecuzione, con la conseguenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU