X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Splafonamento regolarizzato con sguardo al momento della detrazione

La Cassazione ha affermato che la detrazione non può precedere il versamento dell’IVA

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Venerdì, 10 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di splafonamento, l’IVA può essere detratta nel termine previsto dall’art. 19 comma 1 del DPR 633/72 solo se è stata precedentemente versata, essendo irrilevante ai fini del riconoscimento del diritto alla detrazione un eventuale versamento dell’imposta successivo alla scadenza del predetto termine. Si tratta del principio di diritto sancito dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 14585 depositata ieri, 9 luglio 2020.

Nel caso all’attenzione dei giudici, una società aveva effettuato acquisti in regime di non imponibilità IVA ex art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72, previa presentazione della dichiarazione d’intento, per un ammontare superiore al plafond disponibile previsto per l’anno 2001.

Alla luce di tale splafonamento, il soggetto passivo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU