X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Indicazioni INPS sulle istanze di esonero contributivo per coltivatori diretti e IAP under 40

/ REDAZIONE

Martedì, 14 luglio 2020

x
STAMPA

Con il messaggio n. 2787 pubblicato ieri in serata, l’INPS ha fornito indicazioni sulla definizione delle istanze di esonero per i coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali con età inferiore a 40 anni.

L’Istituto ricorda di aver fornito, con la circ. n. 72/2020, le indicazioni normative e le istruzioni operative per l’esonero introdotto dall’art. 1, comma 503 della L. 160/2019, che ha previsto, per i coltivatori diretti e gli IAP di cui all’art. 1 del DLgs. 99/2004, con età inferiore a 40 anni, con riferimento alle nuove iscrizioni nella previdenza agricola effettuate tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, l’esonero dal versamento del 100% dell’accredito contributivo presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti (si veda “Esonero contributivo di CD o IAP solo con nuova iscrizione nella previdenza agricola” del 13 luglio).

Il messaggio di ieri precisa che l’istanza di ammissione all’incentivo va presentata entro 120 giorni dalla data di comunicazione di inizio attività. Le istanze di ammissione al beneficio presentate oltre 210 giorni dall’inizio dell’attività saranno respinte. Al riguardo, l’INPS evidenzia che dal 1° luglio 2020 il controllo del massimale relativo agli aiuti de minimis e agli aiuti de minimis SIEG già concessi avviene esclusivamente attraverso il Registro nazionale aiuti (cfr. circ. n. 157/2019). Per il riconoscimento del beneficio è quindi necessario acquisire la visura dal Registro nazionale aiuti.
Per le domande di esonero per gli aiuti concessi a coltivatori diretti e IAP under 40, già presentate, l’Istituto sta verificando il rispetto del massimale de minimis.

Acquisita la visura dal Registro nazionale aiuti, l’istanza di esonero è elaborata automaticamente e viene inviata, all’indirizzo di posta elettronica indicato nella domanda di ammissione al beneficio, una comunicazione con l’invito ad accedere al Cassetto previdenziale per Autonomi agricoli per verificare l’esito dell’istanza.
In caso di esito positivo, l’avviso di pagamento relativo alla tariffazione elaborata nel corrente anno 2020, relativo anche ad anni pregressi, sarà rielaborato tenendo conto del riconoscimento del beneficio dell’esonero contributivo.


TORNA SU