X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

La società estera senza stabile organizzazione non opera ritenute alla fonte

In assenza di S.O. la qualifica di sostituto d’imposta dovrebbe sempre ritenersi insussistente

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 22 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La problematica della corretta delimitazione degli obblighi delle società non residenti in qualità di sostituti d’imposta sembra avere trovato solo negli ultimi tempi un suo assetto stabile.

Essa nasce dalla formulazione dell’art. 23 comma 1 del DPR 600/73 che, nell’elencare i sostituti d’imposta, menziona tutti i soggetti di cui all’art. 73 comma 1 del TUIR e, quindi, a rigore tutte le società ed enti non residenti (con o senza stabile organizzazione in Italia). Anche le istruzioni al modello 770 replicano questa ambiguità, prevedendo tra i soggetti obbligati alla presentazione “le società e gli enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato”, senza ogni ulteriore specificazione di sorta.

Si tratta di una ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU