X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Prorogati i termini di notifica delle cartelle

Nel decreto legge anche la sospensione dei pagamenti sino a fine anno, con obbligo di pagare entro fine gennaio

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 19 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge in tema di riscossione esattoriale, prorogando di due anni i termini decadenziali, nonché prescrizionali in scadenza a fine anno.
Vi è anche un ampliamento della sospensione dei termini di pagamento delle cartelle esattoriali, che, secondo il vigente testo dell’art. 68 del DL 18/2020, è scaduta il 15 ottobre.

Stando alla bozza, sono postergati al 31 gennaio 2021 i termini di pagamento scadenti dall’8 marzo 2020 al 31 dicembre 2020 (il termine era fissato al 15 ottobre 2020) derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli Agenti della riscossione.
In teoria, la proroga, come sancisce l’art. 68 del DL 18/2020, riguarda anche avvisi di addebito INPS e accertamenti esecutivi, ma, come noto, l’Agenzia delle Entrate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU