X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

IL CASO DEL GIORNO

Le condotte extralavorative possono giustificare il recesso

/ Giada GIANOLA

Mercoledì, 6 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Determinate condotte, poste in essere dal lavoratore al di fuori dello svolgimento dell’attività lavorativa, possono avere ripercussioni negative sulla prosecuzione del rapporto di lavoro, giustificando, a certe condizioni, l’estromissione dal contesto aziendale.

Ciò si verifica, in particolare, quando tali comportamenti integrino gli estremi di una giusta causa di licenziamento che, secondo l’art. 2119 c.c., si identifica con una causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto, essendo talmente grave da ledere irreversibilmente gli elementi essenziali del contratto, tra cui il vincolo di fiducia che caratterizza il rapporto di lavoro.

Possono fondare una giusta causa di recesso sia comportamenti tenuti dal prestatore nell’adempimento dei propri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU