X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Onere della prova all’Erario se il socio eccepisce la preventiva escussione

Se si tratta di società semplice prova in capo al contribuente

/ Alfio CISSELLO e Antonio NICOTRA

Mercoledì, 13 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le Sezioni Unite, con la sentenza del 16 dicembre 2020 n. 28709, hanno, tra l’altro, sancito che il socio di società di persone può, nel ricorso contro la cartella di pagamento o l’accertamento esecutivo, eccepire il beneficio di preventiva escussione.
Per effetto dell’art. 2304 c.c., “i creditori sociali, anche se la società è in liquidazione, non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo l’escussione del patrimonio sociale”.
Particolare rilevanza, sotto questo aspetto, viene attribuita al tema dell’onere della prova.

I giudici affermano che, se si tratta di snc o di sas, l’amministrazione creditrice deve provare l’incapienza, totale o parziale, del patrimonio sociale e, in caso contrario, il ricorso deve essere accolto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU