X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Sul tavolo del Consiglio dei Ministri notturno una mini proroga dell’invio delle cartelle a fine gennaio

/ REDAZIONE

Venerdì, 15 gennaio 2021

x
STAMPA

In arrivo una mini proroga dell’invio delle cartelle esattoriali: secondo indiscrezioni circolate ieri poco prima delle 22.30, quando è cominciata la riunione del Consiglio dei Ministri inizialmente in programma per le 20.30, oltre al nuovo decreto “Ristori”, con la richiesta di scostamento pari a 32 miliardi che il Governo si appresterebbe a inviare alle Camere, sul tavolo ci sarebbe un decreto legge ad hoc per rinviare a fine gennaio la ripresa dell’invio degli atti esattoriali, in attesa di un provvedimento più complessivo.

Della necessità di un intervento sulla “montagna di cartelle esattoriali che rischiano d’arrivare nel 2021” aveva già parlato ieri in giornata il Viceministro dell’Economia Antonio Misiani al Forum di Italia Oggi: “una proroga-ponte, uno scaglionamento degli invii molto più diluito nel tempo, una reateizzazione più conveniente, un saldo e stralcio, altrimenti s’apre un problema sociale”. La mini proroga sul tavolo del CdM sarebbe quindi una misura che sospende per altre due settimane, in attesa di un nuovo pacchetto di misure. Con il prossimo decreto Ristori si potrebbe infatti fare in modo che all’arrivo delle nuove notifiche del Fisco siano già pronte anche le misure per attenuarne gli effetti, dalla rottamazione-quater al saldo e stralcio.

TORNA SU