X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il curatore deve indicare quale azione di responsabilità intende esercitare

/ Maurizio MEOLI e Ilaria PERO

Sabato, 23 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

È orientamento ormai costante e consolidato in giurisprudenza quello secondo cui l’azione di responsabilità esercitata dal curatore, nell’ambito dell’art. 146 del RD 267/1942, sarebbe un’azione unitaria e inscindibile, cumulando in sé le diverse azioni riconosciute dall’ordinamento a tutela dei soggetti pregiudicati nella loro posizione dalle violazioni degli amministratori. In particolare, sono esperibili dal curatore l’azione sociale di responsabilità e quella riconosciuta alla massa dei creditori, restando riservata a soci e terzi l’azione individuale ex artt. 2395 e 2476 comma 7 c.c. A tali fini occorre la previa autorizzazione del giudice delegato, sentito il comitato dei creditori (ex art. 146 comma 2 del RD 267/1942).

L’art. 146 del RD ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU