X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il pagamento con credito inesistente non perfeziona l’adesione

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Sabato, 13 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel sistema dei versamenti unitari, nei limiti ed alle condizioni poste dall’art. 17 del DLgs. 241/97 e dalla normativa di settore, il pagamento del debito tributario può essere estinto mediante compensazione.
Sebbene ciò possa sembrare paradossale, la compensazione con un credito inesistente, anche, estremizzando, inventato puramente dal contribuente, estingue comunque il debito.

L’indebita compensazione, infatti, è una violazione che ha trovato esaustiva disciplina con la riforma del DLgs. 158/2015, che ha sul punto modificato l’art. 13 del DLgs. 471/97.
Bisogna considerare che, se viene utilizzato un credito inesistente per estinguere un debito fiscale, le Entrate non richiedono affatto il versamento del debito che formalmente è stato estinto indicando in F24 il credito inesistente,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU