X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Politica monetaria e fiscale complementari nel sostenere la ripresa

Le prospettive economiche a breve termine rimangono però offuscate dall’incertezza sulla recrudescenza della pandemia

/ Stefano PIGNATELLI

Venerdì, 23 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nessuna sorpresa dalla riunione Bce e dalla conferenza stampa di Lagarde di ieri. Una parte degli operatori si attendeva un cenno ad un possibile ampliamento del programma PEPP che non c’è stato. Decisamente modesta la reazione sui tassi che si sono solo leggermente increspati di un paio di centesimi sulle scadenze lunghe. Il Bund 10 è a -0,25%, l’Irs 10 a 0,09% e il Btp 10 a 0,78% con lo spread a 101 bps. Lieve rialzo anche per i tassi Usa con il Bond 10 anni a 1,57%. Bene le borse sostenute da trimestrali robuste (segui tassi e valute su www.aritma.eu).

Secondo Lagarde mentre la ripresa della domanda globale e il considerevole stimolo fiscale sostengono l’attività globale e dell’area euro, le prospettive economiche a breve termine rimangono offuscate dall’incertezza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU