X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 2 agosto 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Valido l’accertamento notificato prima del termine per rispondere al questionario

Secondo la Cassazione gli uffici possono ritirare implicitamente l’ordine impartito

/ Francesco BRANDI

Martedì, 4 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Legittimo l’avviso di accertamento emesso prima del termine concesso al contribuente per rispondere al questionario, comportando solo l’impossibilità da parte dell’ufficio di invocare la sanzione dell’inutilizzabilità della documentazione esibita dal contribuente nella fase amministrativa o contenziosa.
Lo ha sancito la Cassazione che, con l’ordinanza n. 11405 del 30 aprile 2021, ha accolto il ricorso di una società alla quale l’ufficio aveva dato 15 giorni per fornire chiarimenti sull’IVA e per riconsegnare firmato il questionario.

La vicenda parte da un questionario notificato per compiuta giacenza il 15 dicembre 2012 (e anticipato a mezzo PEC il 30 novembre 2012) con cui l’Ufficio chiedeva alla contribuente documentazione, ai sensi dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU