X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per regolarizzare, autofattura elettronica anche con partita IVA del prestatore cessata

Se la cessazione è avvenuta da più di cinque anni è necessario ricorrere al documento cartaceo

/ Luca BILANCINI

Sabato, 15 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’emissione dell’autofattura di cui all’art. 6 comma 8 del DLgs. 471/97, in caso di omessa fatturazione da parte del cedente/prestatore o di ricezione di un documento irregolare, può essere effettuata in formato elettronico anche qualora la partita IVA del fornitore non sia esistente alla data di emissione del documento, purché la stessa non sia cessata da più di cinque anni. Diversamente, sarà necessario procedere con le modalità tradizionali, ricorrendo a un’autofattura cartacea.
La precisazione è contenuta nella risposta a interpello n. 344, pubblicata ieri dall’Agenzia delle Entrate.

Il caso concerneva un curatore fallimentare il quale, dovendo assolvere il debito maturato dalla società fallita nei confronti di un professionista deceduto, chiedeva agli eredi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU