X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Omologazione forzata con il voto negativo dell’Erario

L’Amministrazione deve dimostrare la manifesta inattendibilità della proposta concordataria

/ Francesco DIANA e Antonio NICOTRA

Sabato, 5 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 180 comma 4 del RD 267/42, modificato dall’art. 3 del DL 125/2020, conv. L. 248/2020, attribuisce al tribunale il potere di omologare la proposta di concordato preventivo anche in mancanza di voto da parte dell’Amministrazione finanziaria o degli enti gestori di forme di previdenza o assistenza obbligatorie.

Affinché ciò sia possibile è necessario che si realizzino, congiuntamente, due condizioni: l’adesione sia determinate per il raggiungimento delle maggioranze previste dall’art. 177 L. fall. e la proposta di soddisfacimento offerta sia conveniente rispetto all’alternativa liquidatoria, come risultante dall’attestazione del professionista di cui all’art. 161 comma 3 L. fall.

L’espressione utilizzata dal legislatore – mancanza di voto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU