X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Finanziamenti garantiti del decreto liquidità senza tutela penale

L’omessa destinazione delle somme ottenute alle finalità previste dalla normativa non può configurare il reato di malversazione a danno dello Stato

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 5 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per i finanziamenti previsti dal decreto “liquidità” e assistiti dalla garanzia di SACE, non è configurabile una responsabilità penale connessa all’omessa destinazione delle somme ottenute alle finalità di interesse generale richieste dalla normativa.
La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 22119, depositata ieri, esclude così l’applicabilità del reato di “malversazione a danno dello Stato”, previsto dall’art. 316-bis c.p., in caso di mancata destinazione delle somme ottenute attraverso un mutuo erogato da un istituto di credito, con la garanzia di SACE, alle finalità espressamente previste dall’art. 1 del DL 23/2020 conv. L. 40/2020.

La decisione in esame si confronta con un decreto di sequestro ordinato nei confronti del legale rappresentante ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU