X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Fondamentale l’autonomia e la preesistenza del ramo d’azienda ceduto

Tali requisiti non possono discendere dalla volontà di cedente e cessionario

/ Giada GIANOLA

Martedì, 6 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 18948 pubblicata ieri, 5 luglio 2021, la Corte di Cassazione torna a occuparsi del trasferimento di ramo d’azienda, confermando il proprio orientamento circa la necessità della autonomia funzionale del ramo ceduto e della sua preesistenza.

A tal proposito si ricorda come l’autonomia funzionale costituisca un presupposto indispensabile ai fini della legittimità del trasferimento di un ramo d’azienda, ciò in quanto la parte di azienda che viene ceduta deve presentarsi come un’entità economica finalizzata alla produzione di beni o servizi sufficientemente strutturata e autonoma dal punto di vista organizzativo.
Tale ramo deve poter conservare la propria autonomia dopo il trasferimento, svolgendo, in modo indipendente dal cedente e senza particolari integrazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU