X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Sopravvenienze detassate nell’anno di iscrizione del piano attestato

A nulla rileva che la pubblicazione nel Registro delle imprese non sia obbligatoria sul piano civilistico

/ Luca FORNERO

Venerdì, 30 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 522 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha precisato l’ambito temporale della detassazione delle sopravvenienze attive da riduzione dei debiti (ex art. 88 comma 4-ter del TUIR) nel caso in cui il piano di risanamento, redatto a settembre 2019 e attestato a ottobre 2019, soggetto a condizione sospensiva verificata nell’esercizio 2020, sia iscritto nel medesimo anno presso il Registro delle imprese, nonostante il debito con l’ultimo creditore risulti estinto nel mese di febbraio 2021.

In via preliminare, si ricorda che la citata disposizione stabilisce una rilevanza fiscale limitata per le sopravvenienze attive da riduzione dei debiti derivanti da un piano attestato di risanamento di cui all’art. 67 comma 3 lett. d) del RD 267/42 pubblicato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU