X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Il ravvedimento per la tardiva fatturazione non fa perdere il regime premiale

La trasmissione della e-fattura dopo i dodici giorni è sanzionata ma non incide sull’agevolazione

/ Luca BILANCINI e Paola RIVETTI

Venerdì, 30 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’emissione tardiva della fattura elettronica da parte del contribuente in regime forfetario non pregiudica l’applicazione del regime premiale che consente la riduzione di un anno del termine di decadenza per l’accertamento (art. 1 comma 74 della L. 190/2014), qualora il soggetto passivo ricorra all’istituto del ravvedimento per sanare la violazione.
Questo, in estrema sintesi, è il chiarimento che l’Agenzia delle Entrate ha fornito nella risposta a interpello n. 520, pubblicata ieri, 29 luglio 2021.

Il fatto concerne un avvocato, il quale, pur avendo aderito al regime forfetario di determinazione dei redditi di cui all’art. 1 commi 54-89 della L. 190/2014, si è avvalso della facoltà di emettere le proprie fatture in formato elettronico mediante Sistema di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU