X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Reinquadramento INPS retroattivo solo per errate informazioni iniziali

L’Ispettorato si conforma alle indicazioni fornite in merito dall’Istituto previdenziale che recepiscono gli ultimi orientamenti della giurisprudenza

/ Mario PAGANO

Venerdì, 6 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il datore di lavoro che non comunica eventuali cambiamenti della propria attività, tali da incidere sulla classificazione e sul proprio inquadramento previdenziale, andrà unicamente incontro a una sanzione amministrativa senza rischiare che il conseguente provvedimento di reinquadramento, adottato dall’INPS, retroagisca.
Questo quanto confermato anche dall’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) che, con la nota n. 1234 pubblicata ieri, è intervenuto sulle procedure di inquadramento previdenziale, rettificando le indicazioni già fornite in passato con propria circolare n. 1/2020.

Le ragioni di tale intervento chiarificatore sono da rinvenire principalmente nei mutati orientamenti giurisprudenziali, dei quali ha preso atto anche l’INPS, fornendo nuove istruzioni con la recente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU